un giorno

Qualcosa all'improvviso cambiò in me, ed iniziai a sognare.

Le parole che mi sussurravi divennero ricordi incerti tra realtà e irrealtà,

sogno e certezza. Mi tornarono in mente le cose che dicevamo...,

il tuo sorriso, le mie paure, le menzogne che inventavi.

Il sogno torna ad opprimermi.

Infedele amante

il mio amore è tuo

ciò che ti lega a me

non so,

correndo per una strada sempre uguale ti raggiungo,il sogno si mescola

al ricordo: tu che fuggi, i tuoi amici silenziosi, io che non capisco,

guardavo il mare incerto

inzaccheravo il cuore

di umori untuosi

non di densi profumi,

viaggiare con la mente, in macchina, con le gambe,in ogni modo, per

non morire ancora, viaggiare...

rammentami di te quando dovrò andare, chiederò comunque un rinvio

per vederti..., come ti potrei lasciare senza una carezza ?

Gli anni che ci allontanano

suonano motivi dolci

la mia mano

ti toccherà sempre

dovunque tu vada a giocare

adesso a capire

la vita,

dovunque tu andrai disperata dopo averla compresa,

gli anni che scompaiono

ci avvicinano sempre

la tua mano

non mi lascerà mai del tutto.

Una dolce cantilena mi afferra la gola e la canto dentro di me,

appartiene solo a me d'altronde, canticchio nella mente, nel cuore

nelle mani,

io ti amo, non ti amo, chissà ?

io ti amo, non ti amo, chissà ?

E così via, ma dopo il primo attimo, da dolce diviene ossessiva,

da cantilena nenia. E' possibile afferrare una buona volta

la verità, la realtà ? 

Marionette nude ci vestiamo di piume variopinte per attirare i gonzi,

vorrei spennarti per sapere come sei nuda e lasciarmi spennare per

vedere come sono nudo,

in cieli alti

volano i gabbiani

e come tutto

muoiono in luoghi putridi.

Vagabondo percorri la tua strada senza lasciarti dietro nulla, hai

imparato da chi ad usare la chitarra in questo modo dolce, luminoso ?

 

Lascia la tua opinione

* campi obbligatori (l'indirizzo email NON verrà pubblicato)

Autore*

Email*

URL

Commento*

Codice*