insegui i sogni

nel fondo

                                
                             In un fondo
                                 di bottiglia
                                    visto in trasparenza 
                                        tante piccole
                                            strisce
                                                d'acqua,                                                   
                                                   rimasugli,
                                                              in trasparenza     
                                                                 raggi di sole
                                                                    si riflettono
                                                                       sul fondo
                                                                          seminudo 
                                                                             e si spargono
                                                                                nei miei
                                                                                   occhi,
                                                                                            bagliori di luce
                                                                                               vividi
                                                                                                  in quelle poche
                                                                                                     gocce
                                                                                                        mentre
                                                                                                           dal pieno
                                                                                                              tenebre 

io

  

    io non ci sarò
    ma nel tuo cuore
    vivrò
    avrò perso l'azzurro
    ma certo nei tuoi occhi
    sarò
    l'azzurro del cielo
    avrò
    nei tuoi occhi
    sarò lì
    per sempre
    come tu per me
    per sempre

mentre cammino

Mentre cammino

Un povero cane

Bastardo e cimicioso

Mi segue

Io lo guardo distratto

Sgualcito

Nell’anima

Dal tuo silenzio,

ha occhi strani

non sembrano malvagi

come non lo sono

i miei,

questo mio nuovo amico

ora mi accompagna

in questa notte

mentre ti penso

e cammino

guardando la luna.

 

sogna

Vicino 
O lontano
Il viaggio
Finirà
Sfugge
L’essenza

E solo

La presenza

Bella

Soave

Di ciò che ami

Ne distoglie

Il pensiero

Ma tu

Sogna

Che nel sogno

Il tempo

Non esiste

Il tempo

Si scolora

E la vita

È fragranza

Di ogni cosa 

Perciò sogna
Che nel sogno

Spaura

La realtà 


alla mia amica Mirella







saliamo assieme

Saliamo

 assieme

 sulla giostra gigante

 della mia fantasia,

 tu,

 io,

 tutti insieme saliamo sulla giostra;

 ti prego

 falla girare in fretta,

 sempre più in fretta,

 signore,

 vecchi

 bambini

 nani

 saltimbanchi,

 uomini veri e finti,

 marinai

 e furfanti

 tutti con me

 sulla giostra,

 che gira

 e rigira

 gira sempre più veloce

 e poi ad un tratto,

 lentamente,

 rallenta

 rallenta

 rallenta

 fino quasi a fermarsi

 ed allora

 tutti voi,

 che siete la mia vita,

 me stesso,

 vi allontanate

 piano piano,

 silenziosi,

 mi voltate le spalle,

 persino tu

 scendi

 e vai via

 tu

 che

 sei l’amore!

 ed allora

 mentre voi andate,

 mi accorgo

 di essere rimasto

 solo io

 col Signore

 della giostra

 della mia fantasia.

 

i miei amici

I miei amici

Più in la

Non vedono

Dove c’è l’angelo,

Per la strada

Li ho lasciati

E non li rivedrò

Percorrono rigagnoli

Di vita

Molto diversi,

Più in la

Non vedono

Fino alla spiaggia

Dove c’è l’angelo

Così sul mare

Andrò

Tenendoli nel cuore

Con te con l’angelo

E tutti i miei

ricordi

l'antica pendola

L’antica pendola batte l’ora

Dolce lenta cantilenante

tu ti avvicini mia bella signora

vieni dal tuo tenero amante.

 

Sai dirmi forse cos’è la vita?

Cos’è la nostra giovinezza?

Il tempo incessante s’avvita

E porta via la nostra bellezza.

 

Amante mia di divina essenza

Ho gonfio il cuore di dolore

Se non più avrò la tua presenza

 

Se non più avrai il mio ardore

Dimmi se ne hai conoscenza:

Che ne sarà del nostro amore ?

se

     
   se i miei occhi
   fossero
   di vetro
   rifletterebbero
   l'azzurro
   del cielo
   quando è azzurro
   se questi miei
   occhi
   potessero vedere
   oltre
   oltre la realtà
   se potessero
   lo direi
   a tutti
   a tutti
   lo griderei
   ma per prima
   a te
   amor mio
   per prima
   a te
   svelerei
   il mistero 

in fondo

In fondo nulla è diverso

Nel tempo il sentimento

Il dolore il cattivo intento

Sono di un solo universo

 

Sempre uguale inalterato

Becero delicato violento

Crudele buono spento

Di un cuore mai cambiato

 

Solo la forma cangia

L’essenza inalterata

Sempre lo stesso mangia

 

Carne di cuori fragili

L’anima meno armata

Sogni di tutti gli umili

come

       come un soffio

                      nell'aria

               che non lascia

                         traccia

                       la vita,

                  è sabbia

                                                                                            tra le dita,

                                                                                         dietro

                                                                                  al muro

                                                                        del cuore

                                                                    ti nascondo

                                                               tu che sei

                                                        un granello

                                                    tra mille granelli

                                                  cadenti

                                                 folata lieve

                                                   che spero

                                                        si confonda

                                                              nell'eterno       

è

È il tempo

Vissuto

Altro

Spazio

Nel mio cuore

Non c’è

Altri silenzi

Verità

È il tempo

Vissuto

Che segna

Il tuo

Viso adesso

Rughe

Distese

Nel tuo sorriso

È il tempo

Che passa

Tra le

Nostre

Mani

Altro spazio

Non c’è

un padre

Un padre

Non ha voce

Né lacrime

Un padre

Non sa mai

Definire

Il suo amore,

guarda

sorride

sogna,

un padre

legge

la strada

e

ricorda

nella sera

ciò che

è stato,

lui guarda

sorride

e sogna

deserto

Voglio il deserto

Il mio cuore

Aperto

Come una castagna

Libero

Tra il silenzio

E il sudore

Mettermi

Sulla testa

Un copricapo berbero

E scomparire

Tra i nomadi

Nel caldo torrido

Del giorno

Ed il freddo intenso

Della notte

Perdermi

Mentre in cielo

La luna

Mi appare

Vicina e chiara

Con il contorno

Delle altre stelle

In fondo

Al cuore

una prigione

Una prigione

nella mia testa

la vita

che scivola

per fortuna

è come

pensi

dell'amore

un fiore

sulla merda

ci profuma

l'aria

irrespirabile

un mare di fiori

immenso per noi

che ci copre

l'olezzo

che ci arriva

dal mondo

filastrocca

l'amore

è un chicco

di grano

profumato

va coltivato

vivendo

in due

sotto lo stesso

tetto

gran bell'effetto

ma va protetto

e non confuso

perciò

distogli l'attenzione

dalla via

che la tua via

è lei

o lui

o chiunque

tu decida

mare

Un piccolo

ricovero

pel core

non serve

granché

tranquillità

e calore

semplici

gesti rituali

colazioni 

e pasti frugali

un riposino

tranquillo,

ecco l'estate

età del sogno

di cui

ho bisogno

e desiderio

che nei suoi

caldi meriggi

riesco a 

sentire

lo scorrere

del tempo

meno

amaro

quasi

rallenta

e tutto ciò

m'incanta

 

SCRITTA NELL'ESTATE 2013 DURANTE UN SOGGIORNO A SAN BENEDETTO DEL TRONTO

PRESSO L'HOTEL CAPRI, CHE RINGRAZIO DAL PROFONDO DEL CUORE