Benvenuti nel vostro sito web

Se vi va di condividere questo spazio con me , sarò ben lieto di dare voce alle Vs osservazioni e richieste. Tenete conto che mi vorrei occupare di cose di interesse generale,  con un occhio alla vita che ci scorre davanti, cioè alla cronaca.Ogni intervento è gradito, perchè penso che ognuno di noi abbia qualcosa da insegnare, qualcosa di originale, al di là della cultura e delle nozioni. So che qualcuno penserà che queste mie parole sono dettate da piageria e retorica, ma non è così. I sentimenti prescindono, ad esempio dalla cultura. Si può essere delle bestie ed avere tre lauree come non saper nè leggere e nè scrivere ed avere sentimenti nobilissimi. Mi è capitato di incontrare entrambe le categorie.Vi attendo.

Amo gli insolenti 
Hanno gli occhi
Più vivi
Quasi Percorsi da più
Forte Vitalità 
Amo la rabbia 
Che fa vibrare 
i nervi
Come un colpo
di frusta
Amo la ribellione
Contro chiunque E tutto ciò
                               Che ci costringe
                               Amo le puttane Non le nobildonne
                               Sono troppo Più sincere

 

        Vorrei trovere un punto         da cui poter vedere                il mondo dall’alto  

                                                                                                     vedere le alte ciminiere

        che spargono fumo               ed ossidi maligni

                                                                                                       e più sopra le aquile

        maestose e attente             ad ogni piccola preda

                                                                                                  vorrei vedere distintamente

        tutte le piccole macchie al suolo                           che si agitano freneticamente

                                                            tra le quali sei anche tu

        gelido cuore del mio inverno                          spargitrice di lacrime invisibili

        sola con tutti i pensieri                                            malinconici ed ossessivi

                                                                                                    tra i quali anche il mio

       che ti osservo da quassù                                      e ti vedo tra milioni e miliardi

       di macchioline invisibili                                  più col cuore che con i miei occhi

                                               appannati dal freddo intenso

       di questo punto                                  il più lontano e insieme vicino del mondo.

Che i robot non pensano         

di questo son sicuro

loro parlano si

ma hanno solo circuiti

non son fatti di spirito

quindi loro non credono

i robot non sorridono

sono privi dell’anima,

loro, si, sanno stringere

sanno anche marciare

ma non certo sognare

perché non hanno un cuore,

i robot che ci servono

sono soltanto automi

e noi i loro signori;

mi son messo a parlare

in un grande edificio

con un robot-guardiano

non mi faceva entrare

credeva d’esser vivo

ma che povero idiota !

così mentre insistevo

gli ho spiegato dell'anima

che lui non possedeva,

sembrava inebetito,

davvero un grande spasso,

e quando poi mi ha chiesto

di mostrargliela l’anima

non ce l’ho fatta più

E son morto dal ridere

 

La primavera giunge all’improvviso

E ci ridà speranze

Mentre con i colori

ridona all’esistenza il suo sorriso,

 

escono nuovamente sulla strada

gruppi di bimbi allegri

che intenti ai loro giochi

riempiono di vita la contrada

 

e man mano che il sole monta in cielo

sembra dentro di noi come d’incanto

senza capirne affatto la ragione

aprirsi della vita il buio velo,

 

la primavera i sogni con se porta

siccome invero usa gioventù

che ci nutre di gioie e di certezze

come farebbe quella madre accorta

 

che ‘l figlio in guerra vede andar soldato

e lo sa troppo gracile, indifeso

così mentre lo lascia lo rincuora

e s’abbandona al pianto quand’è andato